Accreditamento istituzionale

Nel 2019 la SUFFP ha avviato il proprio processo di accreditamento istituzionale, al fine di soddisfare le esigenze della legge federale sulla promozione e sul coordinamento del settore universitario svizzero (LPSU).

Diverse mani fino a un segno di verifica relativo ai vari processi di qualità
Adobe Stock

L’accreditamento istituzionale è un obbligo legale derivante dalla legge federale sulla promozione e sul coordinamento del settore universitario svizzero (LPSU), entrata in vigore il 1° gennaio 2015. Questo processo, che viene svolto ogni sette anni, mira a valutare l’attitudine delle scuole universitarie svizzere a soddisfare le esigenze nazionali e internazionali attualmente in vigore in relazione alla qualità dell’insegnamento, della ricerca e delle prestazioni di servizi.

Il processo di accreditamento esamina la conformità del sistema di garanzia della qualità della SUFFP in base ai 18 standard di qualità elencati nell’ordinanza per l’accreditamento LPSU. Tali standard coprono cinque ambiti:

  • strategia di garanzia della qualità;
  • governance;
  • insegnamento, ricerca e servizi;
  • risorse;
  • comunicazione interna ed esterna.

L’accreditamento istituzionale consente di riflettere sul modo in cui la SUFFP intende soddisfare le esigenze di una scuola universitaria e svilupparsi a breve e lungo termine.

 

Il processo di accreditamento istituzionale

Il processo di accreditamento si articola in due fasi. La prima consiste nell’autovalutazione, il fulcro del processo, che prevede l’elaborazione di un rapporto di autovalutazione. La seconda fase, la valutazione esterna, è condotta da esperte ed esperti dell’ Agenzia svizzera di accreditamento e di garanzia della qualità. L’agenzia sottopone una proposta di accreditamento al Consiglio svizzero di accreditamento, che ha istanza decisionale finale. Conformemente alla LPSU, la decisione finale è prevista per il 2022.